FISCO » IRPEF » Determinazione Imposta IRPEF

Detrazioni per figli: come funzionano se un genitore è residente all’estero?

4 ottobre 2018 in Domande e risposte

Ipotizziamo che in una famiglia il padre sia residente all’estero, dove paga le tasse per il lavoro ivi prestato, e la madre sia residente in Italia. Può in questo caso la moglie indicare nella propria dichiarazione dei redditi, la percentuale del 100% per la detrazione spettante per il figlio a carico?

Ai sensi dell’articolo 12 del TUIR la detrazione per figli a carico è:

  • ripartita nella misura del 50 per cento tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati,
  • oppure può spettare, nella misura del 100%, al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato, qualora i genitori si accordino in tal senso.

La legge non disciplina l’ipotesi in cui uno dei genitori non separato sia fiscalmente residente all’estero quindi, nel silenzio della legge, così come dedotto anche nella risposta n° 25 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata il 4 ottobre 2018, la ripartizione della detrazione prevista per il figlio a carico spetterà alla madre nella misura del 50 per cento, a meno che la medesima non percepisca un reddito complessivo di ammontare più elevato del marito.

Sostanzialmente, qualora il genitore residente all’estero non presenti la dichiarazione dei redditi anche in Italia e non abbia quindi modo di indicare e usufruire di tale detrazione, il 50% si può considerare perso. Unico caso in cui la detrazione possa essere fruita completamente si verifica quando la moglie residente abbia un reddito superiore rispetto a quello del marito non residente e quindi riporti nella propria dichiarazione il 100% della detrazione in oggetto.

Allegati:

Il mio Studio Online - Demo Il mio Studio Online